Stadium with blue seats and Axis Camera on a pole.
Stadi e luoghi per eventi

Cartellino rosso per la violenza nel calcio.

Organizzazione: Associazione uruguaiana di calcio (AUF)
Posizione: Montevideo, Uruguay
Esigenza del cliente: Riconoscimento facciale, Monitoraggio remoto
Montevideo, Uruguay, 

Agli spettatori coinvolti in rapine e risse o legati allo spaccio di droga viene impedito l'accesso allo stadio del Centenario dell'Uruguay grazie a un sistema di riconoscimento facciale.

Missione

La sicurezza negli stadi durante le partite è un fattore critico da molti anni. Anche i club calcistici, le forze di sicurezza e le associazioni calcistiche hanno avuto difficoltà con questo fenomeno. Rapine, risse e spacciatori di droga sono alcuni dei problemi più significativi in Uruguay. e hanno allontanato da questo spettacolo sportivo i tifosi pacifici e le famiglie. Ecco perché il Ministero dell'Interno ha deciso di installare telecamere di sicurezza negli stadi e ha concesso quattro mesi all'Associazione uruguaiana di calcio (AUF) per mettere in pratica questo progetto.

Soluzione

Per monitorare in modo efficiente ciò che accade nelle diverse aree dello stadio, che ha una capacità di 63.000 spettatori, l'integratore H&O Tecnología Integrada ha posizionato 15 AXIS Q6055-E Network Camera nelle sezioni delle tribune e dei palchi, insieme a 41 AXIS P1365-E Network Camera negli ingressi. Le telecamere dell'area di ingresso sono integrate con il software Herta Security per consentire il riconoscimento facciale dei tifosi.

Ad ogni partita giocata al Centenario, il personale di sicurezza riceve avvisi automatici generati da un controllo incrociato dei dati penali che verifica la presenza di persone pericolose o bandite dallo stadio grazie a un elenco unificato a cura dell'Associazione uruguaiana di calcio, del Ministero dell'Interno e dei club calcistici. Ciò consente di identificare 25 volti al secondo e di adottare le misure necessarie. Sotto questo aspetto, lo stadio del Centenario è un pioniere nell'uso della tecnologia di riconoscimento facciale nella regione.

Risultato

Oltre a impedire l'ingresso di persone che hanno commesso atti di violenza negli stadi di recente, il nuovo sistema sta cambiando il comportamento degli spettatori del calcio in Uruguay. Dopo aver visto fino a 200 persone detenute per diversi episodi nel corso della stessa partita di calcio, il numero è stato ridotto in media a 10 arresti per partita. Le persone ora sanno che se succede qualcosa ci saranno prove e conseguenze. Questo nuovo contesto ha incoraggiato le famiglie con bambini e anziani - che poco a poco avevano abbandonato gli spalti perché non si sentivano al sicuro - a tornare a godersi le partite di calcio.

Abbiamo pensato che sarebbe stato molto complesso, o che ci sarebbe voluto molto tempo per vedere un calo della violenza che si verificava ad ogni partita. Tuttavia, fin dall'inizio il sistema di telecamere ha funzionato perfettamente, permettendoci di controllare l'accesso per le persone a cui era stato vietato; ha impedito loro di entrare.
Andrea Lanfranco, Segretario Esecutivo Generale dell'Associazione uruguaiana di calcio.

Problema storico, risposta rapida

In Uruguay, l'entusiasmo per il calcio è enorme. Il luogo di riferimento principale è lo stadio del Centenario, un simbolo di questo sport a livello globale. Fu qui che si disputò la prima partita nella storia della Coppa del Mondo: nel 1930, quando l'Uruguay fu la sede del Campionato e riuscì ad essere incoronato Campione del Mondo.

Nel corso del tempo, questo luogo dove le persone si riunivano per godersi uno spettacolo pacifico di 90 minuti è diventato un punto di incontro per alcuni gruppi e individui che non avevano alcun interesse per lo sport. Ciò ha portato alla ricerca di una soluzione avanzata di controllo degli accessi che utilizzasse il riconoscimento facciale.

"Non sapevamo assolutamente come sarebbe andato il progetto e il Ministero dell'Interno esigeva che venisse garantito un ambiente sicuro per gli spettatori e per gli atleti allo stadio del Centenario", spiega Andrea Lanfranco, Segretario Esecutivo Generale dell'Associazione uruguaiana di calcio.

Una volta finalizzati i test, l'intero progetto è stato attuato in quattro mesi, compreso un centro di monitoraggio che opera 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno, all'interno delle strutture dello stadio. "Tutto questo è stato possibile grazie al grande sforzo profuso dalla nostra associazione per affrontare l'investimento; inoltre, abbiamo il supporto di FIFA e CONMEBOL", aggiunge Lanfranco.

Germán Ruiz, direttore di H&O Tecnología Integrada, che ha consigliato e supervisionato l'AUF durante tutto il progetto, afferma: "La tempistica entro la quale il sistema di telecamere doveva essere operativo era di quattro mesi a partire dall'ordine del Ministero dell'Interno. Ciò significava che dovevamo prendere decisioni molto precise in ogni fase per ottimizzare l'implementazione, ed è esattamente quello che è successo. "

Empty stadium with blue seats and Axis Camera on a pole.

Ingressi sicuri

Le 15 AXIS Q6055-E Network Camera, che mostrano ciò che accade nelle tribune, nei parterre e nei palchi, hanno consentito di ridurre il numero di agenti di polizia in loco.

A loro volta, le 41 AXIS P1365-E Network Camera situate nell'area di ingresso possono identificare con successo fino a 25 volti al secondo in tempo reale. Vengono confrontati con un database che viene continuamente aggiornato congiuntamente tra l'AUF, i club calcistici uruguaiani, le autorità di polizia e il Ministero degli interni. Se viene identificato un sospetto, il personale di sicurezza riceve immediatamente un avviso presso il centro di monitoraggio.

Dopo l'annuncio sull'operatività di questo tipo di monitoraggio, le autorità hanno notato che il comportamento dei fan è cambiato in meglio. È diventata una misura preventiva per rilevare qualsiasi persona o situazione sospetta. 

Man in front of monitors of Cenetario stadium.

Per Germán Ruíz, "le telecamere che sono state scelte, insieme alla grande prestazione del software Herta, ci hanno permesso di vedere il successo del risultato e di restituire tranquillità all'enorme e amato spettacolo che si tiene in questo stadio, uno dei 15 stadi più grandi delle Americhe."

Va notato che oltre al successo del progetto in termini pratici, questa installazione nello stadio del Centenario ha ricevuto il premio ALAS 2018 per il miglior progetto privato, assegnato dalla Latin American Security Association, la principale organizzazione che riunisce le aziende del settore della sicurezza in America Latina e nei Caraibi.

Dispositivi e soluzioni

Silhouettes of spectators looking out over a soccer stadium

Stadi e luoghi per eventi

Proteggere gli artisti e gli spettatori prima, durante e dopo l'evento. Soluzioni video e audio intelligenti e convenienti per folle di qualsiasi dimensione.
Ulteriori informazioni

Telecamere PTZ

Funzionalità di panoramica, inclinazione e zoom per un'ampia area di copertura
Ulteriori informazioni

Telecamere fixed box

Deterrenza in qualsiasi ambiente
Ulteriori informazioni

Le nostre organizzazioni partner

H & O Tecnología Integrada

Visita sito Web

Herta Security

Visita sito Web