Wide dynamic range

Wide dynamic range

WDR - Dynamic Contrast

La tecnologia WDR (Wide Dynamic Range) aumenta l'intervallo dinamico della telecamera per coprire un maggior divario tra le aree chiare e scure dell'immagine.

Esistono vari modi per aumentare l'intervallo dinamico; per ottenere risultati ottimali si utilizza una combinazione di diverse soluzioni.

Figura 3: l'intero intervallo dinamico di una scena.

Figura 4: L'intervallo dinamico (in rosso) acquisito da una telecamere non WDR. L'area a sinistra è sottoesposta e l'area a destra è sovraesposta.

Figura 5: L'intervallo dinamico più ampio (in rosso) acquisito da una telecamere WDR.

Il metodo più semplice per combattere WDR è quello che Axis chiama Dynamic Contrast, una funzionalità integrata alla maggior parte delle nostre telecamere. In questo metodo, il sensore acquisisce un'immagine con una profondità di bit più alta (una proprietà interna che si traduce in intervallo dinamico) rispetto a quello effettivo della telecamera

La telecamera esegue quindi la mappatura tonale in cui alcuni livelli di luminosità vengono eliminati per diminuire la profondità di bit ad un formato che uno schermo di computer può gestire. Vengono prese in considerazione sia le parti più luminose e quelle più scure, e danno come risultato maggiori dettagli in entrambe le estremità della scala.

Figura 6: la barra superiore rappresenta l'immagine con profondità di bit elevata salvata nel sensore. La barra centrale mostra come determinate parti dell'immagine sono eliminate. La barra inferiore mostra l'output dopo la mappatura tonale.

Esistono due tipi di mappatura tonale.Con la mappatura tonale globale, tutti i pixel vengono gestiti allo stesso modo, ovvero vengono rimossi gli stessi livelli in tutte le zone dell'immagine.Con la mappatura tonale locale, vengono prese singole decisioni per le varie parti dell'immagine, stabilendo quali livelli rimuovere.La mappatura tonale locale richiede una maggiore potenza del processore ma offre risultati superiori.

WDR - Dynamic Capture