Camera protection and housings

Resistenza alle intemperie

Le principali minacce ambientali per una telecamera, in particolare se installata in ambienti esterni, sono il freddo, il caldo, l’acqua e la polvere. Le custodie con riscaldatori e ventole integrati possono essere utilizzate in ambienti con temperature alte e basse. In ambienti caldi, le telecamere possono essere installate in custodie che dispongono di un sistema di raffreddamento attivo con uno scambiatore di calore dedicato. 

Per resistere all’acqua e alla polvere, le custodie (spesso di classe IP66) sono attentamente sigillate. Nelle situazioni in cui le telecamere possono essere esposte ad acidi, come ad esempio nell’industria alimentare, sono necessarie custodie in acciaio inossidabile. Alcune custodie speciali possono essere pressurizzate, sommergibili, a prova di proiettile o costruite per essere installate in ambienti potenzialmente esplosivi. Custodie speciali possono essere richieste inoltre per motivi di tipo estetico.

Altri elementi ambientali sono il vento e il traffico. Per ridurre al minimo le vibrazioni, in particolare su installazioni di telecamere montate su palo, la custodia deve essere possibilmente piccola e montata in modo sicuro. 

I termini “custodia per interni” e “custodia per esterni” spesso fanno riferimento al livello di resistenza alle intemperie. Una custodia per interni è generalmente utilizzata per impedire la penetrazione di polvere e non include un riscaldatore e/o una ventola. I termini sono fuorvianti poiché l’ambiente, sia esso interno o esterno, non sempre corrisponde alle condizioni effettive di un luogo di installazione. Una telecamera installata in una stanza di congelamento, ad esempio, necessiterà di una “custodia per interni” che disponga di un riscaldatore.

Il livello di protezione offerto dalle custodie, siano esse incorporate o separate da una telecamera, è spesso indicato dalle classificazioni stabilite da standard quali IP, che è l’acronimo di Ingress Protection (Protezione contro l’ingresso, talvolta nota anche come Protezione internazionale) ed è applicabile in tutto il mondo, NEMA (National Electrical Manufacturers Association) negli Stati Uniti e gli indici IK per impatti meccanici esterni, che vengono applicati in Europa. Quando una telecamera deve essere installata in un ambiente potenzialmente esplosivo, entrano in gioco altri standard, quali IECEx, una certificazione globale, e ATEX, una certificazione europea.

Protezione contro manomissioni e atti vandalici