Soluzioni per una scarsa illuminazione

I numeri della luce

La maggior parte delle telecamere funziona allo stesso modo: la luce riflessa dagli oggetti viene acquisita da un obiettivo e trasmessa a un sensore, che la converte in valori digitali e forma un'immagine.La quantità di luce che colpisce il sensore determina la qualità d'immagine.Se la luce in arrivo è insufficiente, il sensore non registra alcuna immagine.

Figura 1: la luce riflessa viene acquisita da un obiettivo e trasmessa a un sensore, che la converte in valori digitali e forma un'immagine.

La sensibilità di un sensore alla luce viene comunemente espressa in lux. Il lux è l'unità che indica la quantità di luce che colpisce una determinata area.I produttori indicano spesso un valore in lux come valore minimo d'esercizio per le telecamere.Tuttavia, il valore reclamizzato non deve essere l'unico da considerare per valutare un sistema di telecamere.Con una scarsa illuminazione, entrano in gioco molti altri fattori.

Figura 2: il valore in lux varia in base alle condizioni di illuminazione. Nell'immagine a sinistra, il valore è di 130.000 lux alla luce solare diretta e 10.000 lux nelle aree in ombra. In ufficio, il valore è di soli 50 lux. Nell'immagine a destra, il valore è di circa 200 lux.

Se il livello di luce è troppo basso, il debole segnale proveniente dal sensore sarà soggetto a un'amplificazione, detta anche guadagno. Amplificando il segnale si ha un effetto indesiderato, poiché si amplifica anche il rumore video. Questo, a sua volta, aumenta la larghezza di banda e lo spazio di archiviazione necessari.

Figura 3: basso guadagno = poco rumore, alto guadagno = più rumore. 

La giusta quantità di luce