Axis si impegna a raggiungere obiettivi scientifici di riduzione delle emissioni

Articolo
29 settembre 2022
Per continuare a ridurre l'impatto ambientale delle sue operazioni e in tutta la catena logistica, recentemente Axis si è impegnata a fissare obiettivi scientifici di riduzione delle emissioni in linea con l'iniziativa Science Based Targets (SBTi). Abbiamo incontrato Ray Mauritsson (CEO Axis) e Carl Trotzig (Director, Quality and Environment, Axis) per sapere perché l'impegno verso obiettivi scientifici è così importante per Axis e quali sono le implicazioni per i Partner e i fornitori globali.

Perché Axis ha deciso di fissare obiettivi scientifici in linea con l'SBTi?

Ray Mauritsson: per noi si tratta di un passaggio logico. Nel 2007 abbiamo firmato il Global Compact delle Nazioni Unite, che è una delle organizzazioni coinvolte nell'SBTi: per questo la conoscevamo da tempo. Per Axis, ma in fin dei conti per qualsiasi azienda, definire obiettivi scientificamente fondati di riduzione delle emissioni è il modo più efficace di intraprendere le azioni che servono urgentemente per affrontare il cambiamento climatico. Definire obiettivi ratificati e rivisti dall'SBTi garantisce non solo che siano sufficientemente ambiziosi, ma anche che siamo responsabili del loro raggiungimento.

Cosa si impegna a fare nello specifico Axis, e quando?

Carl Trotzig: per utilizzare la descrizione formale, ci siamo impegnati a fissare obiettivi scientifici di riduzione delle emissioni in linea con quanto richiesto dall'accordo di Parigi, ovvero spingere il riscaldamento globale ben sotto i 2 °C in più rispetto ai livelli preindustriali e proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5°C. L'SBTi ci concede due anni per fissare gli obiettivi, ma speriamo di anticipare i tempi e riuscirci entro un anno. Detto questo, l'SBTi deve considerare gli obiettivi che proponiamo sufficientemente ambiziosi per raggiungere i suoi traguardi: per questo, seguiremo tutti gli standard previsti.

In che modo questa iniziativa si allinea a quelle messe in atto da Axis per contenere l'impatto ambientale?

Ray: tutte le nostre iniziative ambientali ruotano intorno a tre pilastri: proteggere le risorse naturali, tutelare gli ecosistemi e contrastare il cambiamento climatico, quindi l'allineamento è evidente. Tuttavia, l'elemento importante degli obiettivi che fisseremo per l'SBTi sarà il livello di attenzione e responsabilità che porteranno nella nostra azienda e, soprattutto, nell'intera catena logistica.

Carl Trotzig
Carl Trotzig, Direttore Quality and Environment di Axis

Carl: si tratta di un punto critico. Gli obiettivi scientifici che definiamo riguarderanno tutta la catena logistica, a monte e a valle. Questo è fondamentale: non possiamo affermare che l'azienda fa tutto il possibile se i suoi fornitori e Partner non rispettano gli stessi standard. Lavoriamo già molto sulla sostenibilità nella nostra catena di fornitura – dalla progettazione dei prodotti, alla scelta dei materiali, alla riduzione degli imballaggi fino all'ottimizzazione dei trasporti – ma questi obiettivi aumenteranno gli sforzi.

Oltre a definire gli obiettivi, quali sono i processi?

Carl: gli obiettivi, che speriamo vengano approvati dall'SBTi, definiranno i traguardi generali di riduzione delle emissioni nella nostra azienda e nella catena logistica. Il raggiungimento degli obiettivi sarà il prodotto di tante piccole iniziative, ognuna delle quali prevede un proprio piano d'azione e misure specifiche. Chiaramente, dovremo lavorare molto nella nostra azienda e collaborare molto con i Partner e i fornitori. Tuttavia, abbiamo il vantaggio di non partire da zero, perché da molti anni ci impegniamo ad aumentare la nostra sostenibilità e quella di tutta la filiera. Il nostro Report di sostenibilità annuale, che pubblichiamo da tempo, sarà lo strumento principale che descriverà i nostri progressi verso gli obiettivi, una volta stabiliti e concordati.

Lei ha detto che questi obiettivi si estenderanno all'intera catena logistica Axis. Come pensa che risponderanno i fornitori e i Partner?

Ray: siamo fiduciosi e pensiamo che la risposta sarà positiva. Se per Axis è un passaggio logico, è altrettanto logico portare i nostri fornitori con noi. Come afferma Carl, i nostri fornitori e Partner sanno che siamo molto attenti ad aumentare la sostenibilità in generale in tutta la catena logistica e, in particolare, a ridurre l'impatto ambientale delle nostre operazioni. In diversi modi, per anni abbiamo costruito una catena di fornitura che rispecchia i nostri valori; quindi, è opportuno parlare con i fornitori e i Partner dell'allineamento agli obiettivi scientifici. Abbiamo parlato anche dell'importanza della responsabilità. Siamo determinati a raggiungere gli obiettivi prefissati e la nostra comunità di fornitori e Partner di tutto il mondo dovrà fare la propria parte.

Secondo lei, un'attenzione così forte alla riduzione delle emissioni ha altri aspetti positivi?

Ray Mauritsson and Carl Trotzig
Ray Mauritsson, CEO di Axis , e Carl Trotzig, Direttore Quality and Environment at Axis

Carl: certo. L'impostazione e il lavoro che svolgeremo per raggiungere gli obiettivi scientifici porteranno innovazione in tutti i settori dell'azienda. Nello sviluppo e nella progettazione dei prodotti, nei metodi e nei luoghi di approvvigionamento dei componenti, nella dislocazione degli impianti di produzione e dei centri logistici, nelle fonti di energia, nel trattamento dei i prodotti smaltiti, nel trasporto dei prodotti e nelle nostre trasferte di lavoro... nessuna parte della nostra azienda rimarrà inalterata. Sarà una grossa opportunità per riprogettare la nostra azienda e la catena logistica, per un beneficio ambientale duraturo.

Ray: in definitiva, queste azioni non sono più un “plus”, ma sono essenziali. Tutti noi – a livello personale e lavorativo – abbiamo il dovere di cambiare il nostro comportamento per affrontare il cambiamento climatico e garantire un futuro prosperoso al pianeta. Per questo, continueremo ad avere un ruolo attivo.

Scopri di più su come lavoriamo per ridurre le emissioni
Leggi il Report di Sostenibilità
Per ulteriori informazioni contattare: Enrica Marras, Marketing Specialist, Axis Communications
Telefono +39 02 8424 5762