Green Design per un mondo più sostenibile

Articolo
9 gennaio 2019
Per i produttori, la cosiddetta eco-innovazione diventa fondamentale per venire incontro alle attuali tendenze e richieste dei clienti. Axis si concentra sempre più sul Green Design utilizzando materiali riciclati ed eliminando progressivamente le sostanze pericolose, in modo da agire responsabilmente e in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Che la sostenibilità sia uno degli attuali megatrend non è una sorpresa, perché il cambio climatico riguarda tutti noi. Così come siamo parte del problema, possiamo anche essere parte della soluzione.

In effetti, qualche cambiamento comincia ad arrivare grazie ad una maggiore consapevolezza dei clienti, alla pressione delle organizzazioni non governative (ONG) e a iniziative di settore che promuovono linee guida più rigide per i produttori.

Anche gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite hanno un ruolo decisivo e sono perseguiti da molte imprese, che si assumono le proprie responsabilità e agiscono in modo più proattivo per essere più sostenibili.

Fondamentale la scelta dei materiali

“La selezione di materiali sostenibili è una delle aree più importanti del green design”, spiega Ausra Reinap, Senior Environmental Engineer, Axis Communications. “Ci impegniamo ad utilizzare più materiali riciclati e a ridurre l'uso di sostanze pericolose nei nostri prodotti, fino a eliminarle del tutto.

Sviluppando telecamere prive dei pericolosi ritardanti di fiamma bromurati e clorurati, senza compromettere la resistenza agli incendi, abbiamo compiuto il primo passo verso questo traguardo”.

Ausra fa parte dell'Axis Green Design Group, formato nel 2012 per agevolare il passaggio dell'azienda a prodotti più ecologici. Riunendo figure professionali diverse in aree come progettazione, ambiente e qualità, il gruppo cerca di aumentare l'attenzione all'ambiente e motivare i progettisti meccanici Axis durante la fase di sviluppo.

Axis ha identificato quattro aspetti di ecoinnovazione:

  • Selezione dei materiali
  • Ottimizzazione della progettazione dei componenti
  • Ottimizzazione della progettazione per la produzione
  • Ottimizzazione per lo smaltimento

Studiare l'intero ciclo di vita del prodotto

Ausra Reinap

“Il Green Design è un concetto piuttosto ampio che si prefigge di capire come ridurre al minimo il nostro impatto ambientale”, commenta Ausra. “Non solo nell'intera catena logistica, ma nell'intero ciclo di vita del prodotto”.

Nel 2015, Axis ha ideato una scheda di valutazione per il green design (Green Design Evaluation Scorecard) per aiutare i progettisti ad integrare le considerazioni ambientali nello sviluppo dei prodotti. Ausra commenta: “Sappiamo che scegliere materiali riciclati può essere difficile: soprattutto se devono essere conformi ai rigidi standard UL, che negli USA e in Canada sono fondamentali” commenta Ausra.

Axis segue un elenco di sostanze vietate e limitate, tra cui sostanze già regolamentate per legge e sostanze non ancora limitate o vietate ma che potrebbero diventarlo in futuro. “L'elenco include i plastificanti e i ritardanti di fiamma bromurati e clorurati, detti BFR e CFR. Per noi è importantissimo non aspettare semplicemente la legge, ma essere un passo avanti”, spiega Ausra.

Oltre i materiali

Il peso è fondamentale per ottimizzare la progettazione dei componenti. Usare meno materiale significa usare meno risorse, ma anche ridurre l'impatto ambientale legato ai trasporti. Un altro modo per ottimizzare la progettazione dei componenti è ridurre il numero di viti, o addirittura eliminarle utilizzando ad esempio giunti a scatto.

Altrettanto importanti sono i metodi di produzione dei dispositivi. Ottimizzare la progettazione per la produzione significa specificare finiture superficiali e tolleranze adeguate, riducendo al minimo gli sprechi. Ausra spiega che può essere un lavoro d'equilibrio: “Vogliamo ottimizzare i nostri processi, ma senza compromettere la qualità. Questo comporta alcune difficoltà, perché i materiali privi di BFR/CFR tendono ad essere più rigidi, ma abbiamo capito come risolvere rimanendo sostenibili”.

Guardando oltre l'uso del prodotto, è essenziale progettarlo per uno smaltimento ottimale. Semplificare lo smontaggio semplifica le riparazioni, il riutilizzo e il riciclo. “Idealmente”, spiega Ausra, “vogliamo un design modulare che favorisca un approccio circolare. È un concetto che stiamo approfondendo con la conduzione la valutazione di alcune iniziative”.

Sviluppo di prodotti privi di BFR/CFR

Christian Adielsson

Christian Adielsson, Senior Engineer Axis Communications, ha conosciuto da vicino il green design grazie al progetto di sviluppo di un nuovo prodotto. “Stavamo iniziando il progetto di una telecamera basata su una piattaforma totalmente nuova. Uno dei requisiti era che fosse totalmente priva di ritardanti di fiamma bromurati e clorurati”, racconta.

“Abbiamo iniziato a contattare i fornitori in cerca di componenti sostitutivi”, prosegue Christian . “Il nostro primo approccio per affrontare questo problema ha richiesto molto tempo, perché non avevamo gli strumenti necessari per automatizzare il processo. Dunque, abbiamo dovuto fare tutto manualmente. Il primo dispositivo da noi introdotto, che aveva ancora tre componenti con BFR/CFR, è stato la telecamera AXIS P1375, ma sapevamo che era solo la prima tappa”.

 

Circa due anni dopo aver iniziato a sviluppare AXIS P1375, il nostro team è riuscito a renderla ecocompatibile eliminando i ritardanti di fiamma bromurati e clorurati da tutti i componenti. Grazie all'uso di ossidi metallici, i dispositivi riescono comunque a resistere agli incendi.

“Siamo lieti di vedere che la nostra telecamera priva di BFR e CFR è pioniera nel settore. Garantisce la massima sicurezza e dà un contributo all'ambiente”, spiega Christian.

Una responsabilità fondamentale

“Abbiamo iniziato a contattare i fornitori in cerca di componenti sostitutivi”, prosegue Christian . “Il problema più grande era che, in quel momento, non avevamo gli strumenti adeguati per automatizzare il processo, quindi dovevamo fare tutto manualmente e perdere molto tempo”.

Non riuscendo a trovare alternative prive di BFR/CFR per tre componenti, e con tempi sempre più stretti, si è deciso che il nuovo prodotto AXIS P1375 sarebbe stato lanciato in primavera. Tuttavia, Christian spiega: “Questo era solo il primo passaggio. Lo sviluppo del prodotto va avanti e sono sicuro che in un prossimo futuro presenteremo una soluzione ancora più sostenibile”.

Ausra conclude: “Oggi è fondamentale che un produttore sia responsabile verso la sostenibilità; il green design è indispensabile per essere credibili. Axis ha ambizioni grandissime; se l'ambizione è quella di essere il leader nel settore, allora deve ridurre l'impatto ambientale nell'intero ciclo di vita del prodotto”.

Per saperne di più