Manutenzione delle telecamere di sorveglianza: chi se ne occupa?

Timo Sachse

Un argomento che viene trattato di rado quando si parla di telecamere di sicurezza, nonostante la sua importanza, è certamente quello della manutenzione.

Infatti, in assenza di una manutenzione regolare e scrupolosa, sia “digitale” che fisica, la qualità delle immagini video inizierà a diminuire e aumenterà il rischio che si verifichino dei guasti.

La necessità della manutenzione “digitale” delle telecamere di sorveglianza, in particolare attraverso l’applicazione tempestiva di aggiornamenti firmware e software, è necessaria per sostenere e monitorare le prestazioni e per un’efficace sicurezza informatica. Tuttavia, la manutenzione fisica delle telecamere di sorveglianza, aspetto non meno importante per ottenere le massime prestazioni, si rivela spesso meno rigorosa.

La manutenzione fisica della telecamera passa inosservata

Nella nostra esperienza è raro che la manutenzione fisica delle telecamere di sorveglianza sia specificata e documentata, tendendo così ad essere trascurata. Questo però può comportare dei costi.

Uno dei motivi è che le telecamere di sorveglianza in genere non rientrano nell’ambito di altre attività di manutenzione dell’infrastruttura fisica, come ad esempio la pulizia delle finestre o la manutenzione generale degli edifici. Anche se molte telecamere di sorveglianza (ovviamente non tutte) potrebbero essere facili da raggiungere per gli addetti alla pulizia delle finestre, raramente – se non mai – questi ultimi hanno il compito di farlo.

Da un lato ciò potrebbe essere comprensibile: anche se progettate per resistere a condizioni meteorologiche estreme, le telecamere di sorveglianza sono ancora tecnologie sofisticate e chiunque non abbia le conoscenze, le abilità e l’attrezzatura per preservarle sarebbe restio o cauto nel toccarle per evitare di danneggiarle o anche solo spostarle.

Per questo motivo i produttori dei dispositivi devono svolgere un ruolo fondamentale e assumersi maggiori responsabilità nel fornire istruzioni e indicazioni sulla manutenzione fisica delle telecamere, comprese le specifiche sui prodotti e i materiali per la pulizia.

Questi lavavetri avrebbero potuto pulire anche le telecamere, se qualcuno avesse chiesto loro di farlo…

Gli effetti delle telecamere mal tenute

È fondamentale migliorare l’approccio alla manutenzione fisica delle telecamere se si vuole che funzionino al massimo delle loro potenzialità, 24 ore al giorno, sette giorni su sette.

È ovvio dire che un requisito principale delle telecamere di sorveglianza debba essere una visione chiara della scena. Tutto ciò che ostacola la vista influisce sulle prestazioni e questo sta diventando ancora più importante in un mondo in cui le analitiche a bordo camera (dette on the edge) sono sempre più utilizzate.

In una certa misura, gli addetti alla sorveglianza possono accettare anche immagini “sufficientemente buone” delle scene. Detto questo, però, quando si tratta di indagini eseguite a seguito di un incidente, avere immagini non perfette potrebbe costare caro. Per quanto un operatore potrebbe essere più che in grado di distinguere i veicoli in una scena, un’indagine su un incidente non può utilizzare prove imprecise o non del tutto riconoscibili (come, ad esempio, una targa parzialmente oscurata). In casi come questi, l’efficacia del filmato di sorveglianza sarebbe compromessa.

La presenza sempre più massiccia di analitiche a bordo camera fa sì che le immagini vengano “visualizzate” in un modo completamente diverso. Le unità di elaborazione esaminano i dati, mentre gli esseri umani guardano le immagini e l’impatto di immagini poco chiare può essere enorme. Non c’è modo per un processore di “vedere intorno” a un’immagine parzialmente oscurata. Se i dati dicono che non è un veicolo, non è un veicolo.

Per gli operatori umani e i processori, i problemi possono aumentare durante le ore notturne e in condizioni di scarsa illuminazione. In queste situazioni, le telecamere utilizzano gli infrarossi (IR) per illuminare una scena. La sporcizia sul vetro o sulla copertura a cupola di una telecamera, anche se appena visibile, può influire drasticamente sull’immagine durante la notte a causa dei riflessi della luce a infrarossi.

Allo stesso modo, le ragnatele, poco visibili durante il giorno, di notte sono fortemente illuminate dall’illuminazione IR incorporata nella telecamera. Inoltre, una ragnatela che ondeggia nell’aria può causare un aumento enorme del bitrate, e di conseguenza, della larghezza di banda e dello spazio di archiviazione necessari. I moderni strumenti analitici basati sull’intelligenza artificiale avranno difficoltà a svolgere il proprio lavoro, poiché gli oggetti di interesse saranno ostacolati dalle stringhe di codice. Un’immagine chiara di un ragno nella sua tela potrebbe essere ottima per un documentario televisivo sulla natura, ma è meno utile per questioni legate alla sorveglianza.

Anche la mancanza di una regolare manutenzione fisica può avere un impatto al di là della qualità dell’immagine. L’accumulo di sporcizia e polvere in una telecamera, o persino gli insetti che si annidano nei canali di ventilazione del dispositivo, se non vengono rimossi possono anche causare problemi di surriscaldamento e potenziali guasti dei componenti.

Assistenza nella manutenzione fisica

Esistono diversi modi per far diventare la manutenzione fisica delle telecamere una priorità, anziché continuare a ignorare questo aspetto, e tutti nella catena del valore hanno un ruolo da svolgere:

  • I consulenti per le soluzioni di sicurezza possono specificare le tempistiche e le modalità di manutenzione in base alle condizioni specifiche di ciascuna telecamera e a quelle generali ambientali del luogo
  • I clienti possono utilizzare i loro processi di manutenzione consolidati, efficaci e, soprattutto, già finanziati. La pulizia di finestre e telecamere non è molto complicata da implementare.
  • I produttori dovrebbero approfondire la parte riservata alla manutenzione nella documentazione per gli utenti. Inoltre, è possibile utilizzare analitiche leggere per le immagini per identificare i problemi il prima possibile e come supporto alla manutenzione regolare. È necessario creare dashboard di manutenzione, generando elenchi di attività con istruzioni e posizioni specifiche della telecamera, e così via.

Un approccio più proattivo alla manutenzione fisica delle telecamere non solo le mantiene adatte allo scopo per cui sono state installate, ma può anche migliorarne l’efficienza operativa. Le telecamere richiedono manutenzione quando è necessario anziché sistematicamente, il che in alcuni casi potrebbe effettivamente significare meno tempo speso per la manutenzione rispetto a prima.

Le telecamere di sorveglianza rappresentano un investimento significativo per qualsiasi organizzazione. Se si vuole ottenere il massimo ritorno sull’investimento nel corso della vita più lunga possibile del prodotto, è essenziale un’efficace manutenzione fisica.

Prenditi cura delle tue telecamere di sorveglianza. In fondo, potresti averne bisogno ogni giorno.

Trova la migliore telecamera di rete Axis adatta alle tue esigenze.

Telecamere di rete Axis