Soluzioni Explosion Protected: safety e security lungo tutta la catena di produzione

Paolo Mura

In contesti critici e ad alto rischio esplosione le telecamere sono fondamentali per la prevenzione e la gestione degli incidenti, nonché per garantire la sicurezza dei lavoratori

 

Cosa hanno in comune un impianto di estrazione di petrolio, una cartiera, uno stabilimento chimico, una raffineria petrolifera, uno zuccherificio, una fabbrica alimentare e un impianto di trattamento dei rifiuti? Sono tutti ambienti caratterizzati da un alto livello di rischio per quanto concerne le esplosioni, dal momento che trattano e lavorano materiali infiammabili – liquidi, gas, polvere e vapore – la cui interazione può innescare incendi e deflagrazioni.

Le esigenze delle aziende che operano in questi settori sono molto simili, nonostante la diversità di lavorazioni e processi, ma tutte si pongono come obiettivo primario quello di garantire tre aspetti fondamentali: la safety dei dipendenti, la possibilità di operare in sicurezza e la continuità di produzione.  

Per fare in modo che tutto ciò possa avvenire è necessario, innanzitutto, che in questi ambienti non vi siano dispositivi in grado di provocare un’esplosione o un incendio. Tra di essi, naturalmente, figurano anche le telecamere.

Ecco che allora sistemi di videosorveglianza specifici e all’avanguardia, certificati Explosion Protected, sono fondamentali per garantire la sicurezza in tutti i settori sopra menzionati offrendo al contempo tutti i vantaggi di un sistema di telecamere e sensori dotati di analitiche a bordo.

Di analitiche e nuove soluzioni per la videosorveglianza, tra cui quelle certificate Explosion Protected, abbiamo parlato ad Axis Live, l’appuntamento digitale sui temi dell’intelligenza artificiale e dell’analisi video, con aggiornamenti sulle nuove proposte Axis per la videosorveglianza e il controllo degli accessi, che si è svolto lo scorso 14 aprile.
Nel corso di questo evento abbiamo cercato di chiarire un malinteso abbastanza diffuso che riguarda la definizione di “protezione dalle esplosioni” o “a prova di esplosione” che molti associano al concetto di telecamera che resiste a una deflagrazione: è bene sottolineare, infatti, che in realtà è la telecamera che non può e non deve generare un’esplosione in un’atmosfera esplosiva.

La videosorveglianza, inoltre, diventa un elemento imprescindibile in ambienti ad alto rischio perché, anche in caso di incidente, permette di controllare direttamente da remoto le riprese video utili per ispezionare l’area danneggiata senza dover inviare fisicamente un operatore sul posto, esponendolo a possibili rischi.

 

Le telecamere certificate Explosion Protected

La certificazione dei dispositivi installati all’interno di infrastrutture critiche o in fabbriche in cui sono presenti macchinari adibiti a processi industriali ad alto rischio esplosione, è dunque fondamentale, e viene garantita secondo standard applicabili a livello internazionale.

Quest’ultimi sono indispensabili e sono stati fissati per definire i sistemi di classificazione e di certificazione dei sistemi di videosorveglianza, ed è assolutamente necessario che ci si attenga a quelli già definiti dal continente o dal Paese in cui i dispositivi devono essere impiegati.

 

Come scegliere il sistema Explosion Protected in base alle proprie necessità

Per scegliere il sistema di videosorveglianza Explosion Protected è opportuno valutare e seguire dei criteri specifici in base al contesto di applicazione.

In primo luogo, è necessario sottolineare che le telecamere devono essere interpretate come elementi di un unico e ampio sistema (che va dalla protezione del perimetro al controllo accessi, fino al monitoraggio delle aree interne) e, per questo, devono integrarsi con gli altri dispositivi e sistemi installati.

La versatilità è infatti un’altra caratteristica imprescindibile dei dispositivi ed è compito dei produttori offrire un ampio portfolio di prodotti, senza sottovalutare l’importanza degli accessori necessari: quando si parla di queste soluzioni, infatti, non bisogna pensare solo alle telecamere ma anche a tutti i sistemi correlati, come cavi di alimentazione, switch e centraline.

Altrettanto importante è la capacità delle telecamere di poter ospitare capacità analitiche a bordo, che rendono ancora più efficace l’intero sistema integrato e permettono di gestire in modo più rapido gli eventi, nel caso in cui dovessero verificarsi.

Nel contesto delle infrastrutture critiche, l’attenzione ai perimetri fisici va di pari passo con l’impegno costante da parte delle aziende che operano in questi settori per quanto riguarda il tema della cybersecurity e della conformità alle best practice istituite dagli organismi ufficiali.
Una gestione consapevole del ciclo di vita dei dispositivi connessi alla rete e l’adozione di un sistema di rete cosiddetto “zero trust” può senza dubbio garantire una maggiore sicurezza informatica anche nei contesti più complessi in cui i device collegati e i punti di accesso sono molteplici e i rischi, sia a livello di operations che di reputations, aumentano quotidianamente.

Sotto ciascuno di questi aspetti, la possibilità di rivolgersi a un unico produttore, capace di fornire una soluzione completa e di offrire supporto costante per tutto il ciclo di vita dei dispositivi che la compongono, è un fattore importante nella scelta di un sistema integrato.

 

Riconoscere le esigenze dei clienti per supportare l’innovazione del settore

I vantaggi dei sistemi di videosorveglianza integrati non si limitano, però, solo all’ambito della safety di dipendenti e strutture. L’eccellente qualità delle immagini, infatti, svolge un ruolo fondamentale anche nel garantire una sorveglianza e una manutenzione proattive e il mantenimento delle operations, consentendo di ridurre o limitare l’impatto di incidenti sui ricavi aziendali e di raccogliere dati e statistiche utili a ottimizzare la produttività delle diverse aree.

Tutti i settori che usufruiscono di soluzioni Explosion Protected sono caratterizzati da una forte spinta verso l’innovazione e le nuove tecnologie, ma sono esposti a diversi ambiti di rischio.

Come Vendor, Axis è consapevole delle esigenze dei propri interlocutori sia per quanto riguarda le performance dei dispositivi che le necessità di resistenza e versatilità dell’hardware, che devono essere in grado di resistere condizioni particolarmente sfidanti, come i deserti o le zone artiche. Per questa ragione, l’impegno di Axis nell’innovazione dei propri prodotti e nel supporto costante verso i propri clienti è testimoniato dai 5 anni di garanzia offerti per i sistemi Explosion protected,

Guarda questi video mostrati nel corso dell’evento Axis Live e scopri di più sui sistemi di videosorveglianza Explosion Protected:

Axis Live on demand