Sostenibilità: i leader da seguire come esempio

Jens Strinsjö

La sostenibilità è forse uno degli argomenti più discussi oggi in ogni settore industriale. L’impatto negativo che noi stiamo esercitando sul nostro pianeta, sia come individui che come aziende, suscita comprensibilmente molti sentimenti ed emozioni. I governi di tutto il mondo hanno il dovere di aumentare la consapevolezza e di lavorare per ridurre l’impatto che la vita moderna sta avendo sull’ambiente. Tuttavia, nel mondo del lavoro, indipendentemente dal ruolo o dal settore, le domande e le esigenze relative alla sostenibilità tendono ad essere messa da parte per focalizzarsi sul soddisfare le aspettative dei clienti e aumentare i profitti.

Quello dell’IT è in realtà un esempio particolarmente valido di un settore in cui molta attenzione viene posta alla sostenibilità, in ambiti come il riciclaggio, il riutilizzo di prodotti e soluzioni e la riduzione nell’utilizzo di materiali specifici. È un settore che si è dimostrato un passo avanti agli altri nell’affrontare in anticipo questi temi rispetto all’industria della sicurezza.

L’industria della sicurezza fisica ha iniziato lentamente ad affrontare le questioni dell’ambiente e della sostenibilità ed è in ritardo rispetto ad altri settori nella maggior parte delle aree chiave. Rispetto al settore IT, dove i fornitori hanno adottato da tempo misure per ridurre o eliminare materie plastiche in PVC o minerali di conflitto dalla loro catena di approvvigionamento, molti vendor di sicurezza fisica devono ancora intraprendere azioni significative.  Man mano che i mondi dell’IT e della sicurezza si avvicinano sempre di più, è indispensabile che i fornitori di questi ultimi diventino più consapevoli dell’impatto che le loro catene di approvvigionamento hanno sul primo.

Tuttavia, fornitori e produttori non possono essere i soli a guidare questo cambiamento. Gli utenti finali, gli installatori e i dipartimenti di approvvigionamento devono comprendere questi argomenti e richiedere che l’impatto ambientale diventi un fattore di qualsiasi decisione di acquisto.

 

Qual è la ragione della grande differenza di atteggiamento tra i settori?

Personalmente ritengo che si riduca al livello di maturità del nostro modo di fare affari, su cosa ci concentriamo e su come guardiamo alle soluzioni o ai prodotti che dobbiamo procurare. Mentre il settore IT ha adottato un modello di fornitura orientato alla soluzione e funzionale, il settore della sicurezza è spesso bloccato da una mentalità tradizionale di “acquisto e scarto” che ci fa concentrare su questioni molto tangibili e basilari quando decidiamo cosa acquistare.

Il rovescio della medaglia è che questo atteggiamento non è solo correlabile all’impatto che i prodotti hanno sull’ambiente, ma spesso porta anche a un costo totale di proprietà più elevato, poiché non consideriamo i costi nascosti. Ecco alcuni esempi:

  • Consumo energetico di un dispositivo per anni di vita
  • Necessità di manutenzione e assistenza per tutta la durata di vita di un prodotto
  • Requisiti di archiviazione relativi al materiale video, che hanno un impatto diretto sulle esigenze energetiche e di investimento.

 

Come possiamo assicurarci di lavorare insieme per raggiungere lo stesso obiettivo?

La sostenibilità è un tema molto complesso, che può essere misurato e visto in molti modi. Non esiste un’unica risposta sul modo migliore per garantire un futuro sostenibile, ma ci sono alcune aree che possono fungere da indicatore trasparente e qualitativo nella valutazione di un fornitore, dei suoi prodotti e delle sue soluzioni.

Il Global Compact delle Nazioni Unite fornisce forse il quadro di riferimento più documentato e di qualità garantita che le imprese possono seguire oggi in materia di sostenibilità. Assicura che le aziende operino nel rispetto dei diritti umani, minimizzino il loro impatto nocivo sull’ambiente e che lavorino per costruire una società più adatta alle generazioni future.

Axis ha firmato il Global Compact delle Nazioni Unite già nel 2007, divenendo un vero pioniere nel nostro settore. Tutto questo può sembrare un grande risultato ma non è che l’inizio di un percorso, con oltre 12.000 partecipanti credo che sia l’unico vero modo per generare il cambiamento in questo campo attraverso le sue massicce basi di conoscenza e condivisione delle migliori pratiche.

Axis sta attualmente lavorando a quattordici dei diciassette SDG (Sustainable Development Goals) stabiliti dal Global Compact delle Nazioni Unite, non solo per permetterci di lavorare in modo strutturato verso un domani migliore, ma anche per garantire ai nostri clienti che abbiamo uno scopo che va oltre il profitto.

 

Su quali misure concrete dobbiamo concentrarci?

Credo fermamente in un approccio chiaro e mirato alla sostenibilità. Non possiamo aspettarci di cambiare il mondo da un giorno all’altro o di fare la differenza ovunque. Allo stesso tempo, però, ci sono alcune aree in cui possiamo e dobbiamo prendere una posizione.

Dall’inizio del 2009 Axis ha limitato, e dove possibile rimosso completamente, il PVC dai suoi prodotti, raggiungendo un punto in cui. Come nel 2017, siamo orgogliosi di poter affermare che il 93% delle telecamere Axis sono completamente prive di PVC. È stato dimostrato che alcuni degli ftalati utilizzati nella produzione di plastica in PVC hanno un impatto negativo sulla salute, quindi è rassicurante il nostro ruolo nel ridurre al minimo l’esposizione a tali sostanze chimiche, lavorando al tempo stesso verso la legislazione attuale e futura.

Axis ha iniziato a prepararsi per l’introduzione della direttiva UE sulle restrizioni alle sostanze pericolose 2015/863 (RoHS 3) all’inizio del 2018, utilizzando gli stessi processi sviluppati per monitorare ed eliminare il PVC dai nostri prodotti. Fortunatamente, abbiamo un team di esperti ambientali specializzati, con sede a Lund, che è responsabile di garantire che l’intera catena di fornitura di Axis sia priva di materiali legati al PVC o a qualsiasi alternativa pericolosa. Invece di testare i prodotti finiti, ogni componente viene monitorato lungo tutto il processo produttivo, consentendo ad Axis di identificare tempestivamente i potenziali rischi e le violazioni della sua politica.

 

Scarica il nostro White Paper sulla sostenibilità:

Sostenibilità in Axis