Combattere la criminalità con le soluzioni video connesse

Spread the love

Quando la consapevolezza della situazione consente di rispondere in modo coordinato e efficace.

In un mondo in cui i cittadini desiderano sentirsi sicuri, le forze dell’ordine di ogni paese non condividono solo obiettivi essenziali ma soprattutto sfide decisive, confrontandosi ogni giorno con gli aspetti pratici della prevenzione, della deterrenza e della soluzione dei reati.

Lo sviluppo di nuove tecnologie ha contribuito negli ultimi anni a rendere questo lavoro più efficiente: pensiamo ad esempio ai database con le impronte digitali, all’utilizzo del DNA da parte della scientifica, al più efficiente scambio di informazioni tra corpi di polizia in tutto il mondo e così via.

Tuttavia, nella lotta alla criminalità, sono poche le innovazioni così rivoluzionarie in termini di efficacia come i video intelligenti connessi.

 

Risultati più rapidi per le forze dell’ordine

Fino a poco tempo fa, la città brasiliana di Vitória era tra le 15 aree metropolitane più violente al mondo. Tuttavia, in un solo anno, un’iniziativa congiunta di città e Stato è stata in grado di fare una differenza impressionante: il tasso di omicidi è sceso del 50% e il totale dei veicoli recuperati dopo un furto è aumentato del 55%.

Come è stato possibile ottenere un tale risultato in tempi così rapidi?

La chiave di questa strategia è stato il miglioramento della collaborazione tra le diverse parti interessate attraverso la condivisione dei dati rilevanti. Tramite le telecamere installate in luoghi strategici, la polizia municipale, la polizia militare, i vigili del fuoco e altri corpi di polizia hanno iniziato a condividere immagini e video, gestiti e distribuiti da un Centro operativo e di sorveglianza integrato capace di consentire una collaborazione efficiente tra i corpi di polizia.

 

I tre capisaldi della lotta al crimine
Il centro di Sorveglianza e Controllo di Vitória permette una collaborazione efficiente tra le forze dell’ordine.

I successi di Vitória si rispecchiano nei risultati ottenuti dalle forze dell’ordine nelle città di tutto il mondo. Ogni ente preposto all’applicazione della legge deve fare i conti con le sfide specifiche della propria città. L’utilizzo di un’infrastruttura di rete, sul modello di quella applicata a Vitória, permette però di adattarsi in modo flessibile alle necessità e alle caratteristiche di ciascuna città basandosi su tre pilastri comuni a tutti:

  • La rete di telecamere e altri sensori installati
    Una rete di telecamere osserva i luoghi chiave in cui è probabile che si verifichi un crimine o in cui i cittadini devono percepire maggiormente il controllo delle forze dell’ordine per sentirsi più sicuri. Queste telecamere, dotate di sensori o soluzioni di analisi video, sono in grado di rilevare automaticamente minacce o incidenti quali colpi di arma da fuoco, passaggi di camion o veicoli sospetti, comportamenti fuori norma.
  • Il centro operativo
    Il centro operativo è un hub per la gestione degli incidenti e, in alcuni casi, può essere considerato un vero e proprio centro di controllo dei crimi in tempo reale. È qui che confluiscono le informazioni provenienti dalle telecamere, dalle linee dirette di emergenza e da altre fonti. Quando arriva un allarme o una chiamata, gli operatori utilizzano le telecamere per verificare l’accaduto e seguirne l’evoluzione in tempo reale. In questo modo, è possibile prendere decisioni consapevoli sulle azioni e le risorse necessarie, il che significa una risposta più rapida e un minor rischio di intervento errato o non necessario.
  • Le risorse sul campo collegate
    Le informazioni elaborate dalla centrale operativa sono distribuite anche sui dispositivi mobili. Informazioni importanti, come i numeri di targa, le immagini di veicoli o di persone sospette e altri dettagli possono essere inviati agli agenti mentre si recano verso sul posto, in modo che sappiano chi e cosa cercare, migliorando così il successo dell’intervento. Altrettanto importante è il fatto che queste informazioni migliorino anche la sicurezza dei primi soccorritori, preparandoli efficacemente a ciò che troveranno sul posto. Quando tutti sono dotati delle informazioni più recenti, la risposta diventa più veloce e più coordinata.

Per ulteriori informazioni su come le soluzioni video collegate si uniscono per combattere il crimine scarica la nostra infografica dedicata al law enforcement.

 

Efficienza in tempo reale, dalla scena del crimine alla condanna

L’efficacia di una configurazione video collegata come quella di sopracitata è innegabile.

I seguenti casi di studio ne sono la prova:

  • Almere, Paesi Bassi: una città in rapida crescita dove una soluzione di sorveglianza scalabile aiuta a mantenere gli spazi pubblici sicuri per i cittadini. Le immagini ad alta qualità provenienti dalle telecamere, fisse o collocate temporaneamente, velocizzano i tempi di risposta e forniscono prove affidabili per le indagini.
  • Detroit, Michigan: il Project Green Light ha ridotto la criminalità violenta intorno alle stazioni di servizio fino al 50% in soli due anni. Oggi il progetto comprende più di 200 imprese locali, con un totale di oltre 1.000 telecamere collegate in tempo reale al centro di criminalità del dipartimento di polizia.
  • Kolhapur, India: i tempi di risposta più rapidi e un accesso più rapido alle prove stanno riducendo i problemi di sicurezza, mentre cresce il turismo. L’osservazione 24 ore su 24 dei punti di entrata/uscita, degli incroci e delle attrazioni turistiche aiuta le autorità a ridurre al minimo sia la criminalità che le violazioni del traffico.

Il Video Integration Center offre al Dipartimento di Polizia di Atlanta la possibilità di avere occhi in tutta la città e di estrarre video senza dover possedere tutte le risorse in prima persona” ha dichiarato Thomas R. Sutton, Alto Ufficiale di Polizia, Dipartimento di Polizia di Atlanta.

 

Condividere l’investimento e il successo

Un’altra città da prendere come esempio è l’americana Atlanta, in Georgia. Atlanta ha risolto un problema che molte città si trovano ad affrontare, ovvero la difficoltà nel reperire fondi per gli investimenti nella sorveglianza e nella manutenzione. Lavorando in collaborazione con stakeholder privati – a loro volta avvantaggiati da una maggiore sicurezza – la città ha incorporato nel suo centro operativo i collegamenti delle telecamere presenti presso le aziende e gli alloggi plurifamiliari. Oggi, più di 4.000 telecamere pubbliche e 6.000 private aiutano il Dipartimento di Polizia di Atlanta a combattere la criminalità e a migliorare la preparazione alle emergenze. Se dovesse accadere qualcosa in una scuola pubblica, nel centro città, nel sistema di trasporto pubblico o in qualsiasi altra organizzazione pubblica o privata collegata, il Dipartimento avrebbe una visione istantanea e in diretta della situazione.

Il progetto Greenlight di Detroit, menzionato in precedenza, è frutto di una simile partnership tra settore pubblico e privato, in cui le imprese partecipanti si fanno carico dei costi di investimento delle telecamere.

 

Un percorso verso città più sicure e intelligenti

Anche se l’applicazione della legge ne rappresenta chiaramente il focus, i progetti qui descritti possono anche essere considerati come iniziative di smart city. Collegano infatti dispositivi, dati e parti interessate con l’obiettivo di gestire meglio le risorse di una città e fornire servizi migliori per i cittadini. Una volta attuati, tali progetti non solo contribuiscono a migliorare l’efficienza delle forze dell’ordine, ma anche a creare città più sicure e vivibili.

 

Scopri di più sulle soluzioni Axis

Soluzione per la law enforcement

 

Questo articolo è apparso originariamente in lingua inglese sul blog globale Secure Insight.